Tutta la pallacanestro di Monselice e della provincia di Padova

Dove ti trovi


I personaggi

I personaggi pił significativi


Sono molti i personaggi che in qualche modo sono stati coinvolti nel basket Monselice. Indistintamente tutti hanno offerto un contributo, hanno lasciato un'impronta, un ricordo, e ognuno di loro meriterebbe una menzione.
In queste righe cercheremo di evidenziare quei personaggi che riteniamo maggiormente rappresentativi nel passato e presente del basket biancorosso.
in rigoroso ordine alfabetico

SERGIO BONANTINI: giocatore, allenatore, dirigente per molti anni factotum della società  si assunse in prima persona gli oneri societari dal 1978 al 1982, quando una grave crisi dirigenziale - tecnica portò la società  sull'orlo dello scioglimento. Riuscì però a superare il difficile momento, ed a far proseguire l'attività  del Monselice basket.

GUIDO CONTARIN: fu il primo presidente, ma il suo vero merito è l'aver collocato in una dimensione reale il basket Monselice. Da squadra "d'oratorio" in una società  ben strutturata, con le basi per poter proseguire in modo autonomo la propria attività .

MAURIZIO DE MARCO: conosciu­to per "Malo", è rimasto famoso perché sapeva tirare solo in gancio, il tiro più difficile della pallacanestro. In qualsiasi punto del campo si trovasse, quando decideva di tirare, marcato o meno da un avversario, lo faceva in gancio, e di solito segnava!

ENRICO GUSELLA: già  giocatore e dirigente. Dotato di una eccezionale grinta si ricorda per aver fatto «sputare sangue» a tutti per raggiungere risultati di prestigio... è stato uno dei più carismatici leader di gruppo e l'ideatore del marchio del castorino.

ETTORE SCARPARO: il più grosso talento ed il più forte giocatore sinora espresso dal basket locale. Dotato di indubbie doti naturali, le affinò e sviluppò con severi e continui allenamenti giungendo a livelli di valore assoluto, mantenuti per anni.

LORENZO SCARPARO: detto Roy, allenatore preparatissimo, ha letteralmente costruito decine di giocatori con un assiduo e capillare lavoro in palestra. Un costante impegno negli allenamenti praticamente a livello professionistico, ed un continuo aggiornamento tecnico lo hanno portato ad ottenere i più alti risultati raggiunti dal basket Monselice. Ha operato principalmente a livello giovanile, ristrutturando e curando il vivaio. Salvo rare eccezioni i giocatori in attività  si sono formati sotto la sua guida.

GIAMPAOLO STURARO: forse più conosciuto come "il pivot", è diventato il mito della pallacanestro biancorossa. Giocatore, allenatore, dirigente, è stato in pratica il "deus ex machina" del basket locale: ha svolto opera di propaganda, ha scoperto ed addestrato i primi talenti, è stato leader indiscusso assumendosi oneri e responsabilità , che a volte non gli toccavano. La leggenda narra che agli albori della pallacanestro locale, vi fosse un giovane molto alto, in grado di risolvere i problemi della squadra biancorossa, specie sotto i tabelloni, contro i "lunghi" avversari. Packy Montelatici si mise alla ricerca di questo campione, e lo trovò alla guida di un trattore; lo fermò ed in tono perentorio gli intimò di presentarsi agli allenamenti del Monselice. Nasceva così "il Pivot", autore di epiche battaglie con Este e Battaglia, un personaggio che ha lasciato un ricordo indelebile tra tutti gli appasionati del basket.

GRAZIANO TRESOLDI: è il tifoso per eccellenza da sempre! è stato inequivocabilmente riconosciuto in molte foto scattate nell'arco di quindici anni, anche in trasferta, e segue tuttora con molta passione le vicende della squadra.

STEFANO DANIELI, GIORGIO ZIRON, ALESSANDRO TUZZATO, MARCO REFFO, PAOLO GARBIN: giocatori dell'ultima generazione meritano di essere ricordati in gruppo per aver cominciato assieme, sotto la guida di Roy Scarparo, e d'aver continuato in gruppo la loro carriera. Vinsero nel 1982 il titolo della categoria Juniores con Giampaolo Sturaro allenatore, sebbene con la maglia del Battaglia, poiché erano stati prestati alla squadra termale negli anni di crisi prima accennati. Hanno costituito l'ossatura della prima squadra negli anni a cavallo tra gli '80 ed i '90, e Stefano Danieli detiene anche il record individuale con 79 punti siglati in una sola partita, nel lontano 1978.

Approfondimento scritto da Societą, letto 7285 volte dal 14 settembre 2005.

Commenti